Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Milano

L’amico di Penna

A due anni dalla grande retrospettiva curata da Luca Massimo Barbero per la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, Giuseppe Capogrossi (1900-72) torna protagonista (fino al 24 gennaio) di un’importante mostra, commentata in catalogo dallo stesso Barbero e da Luciano Caprile. È la galleria Tega a dedicargli il nuovo omaggio, più conciso ma non meno significativo di quello veneziano, e ricco di opere esposte anche allora, che rileggono il suo percorso dal 1949 quando, alle soglie dei 50 anni e nel pieno di una fortunata militanza nella Scuola Romana, l’artista abbandona il realismo quieto e sospeso che lo aveva portato al successo per volgersi alla non figurazione, spinto dalla necessità di «liberarsi dal reale»: uno scandalo per l’ambiente artistico romano che tuttavia, dopo molte delusioni, gli guadagnerà il pieno riconoscimento della critica. «Superficie AC/128» (1949), con i suoi colori ancora naturalistici e ambrati e i nuovi segni astratti e sincopati, testimonia il momento esatto della transizione, ma lascia subito spazio alla splendida «Superficie 110» (1950-60), giocata sui soli bianchi e neri delle ritmiche catene di grafemi.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Ad.M., da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012