Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Giochi di ruolo

Creo, curo e forse guarisco l’arte

Per sottrarsi alla dittatura dei curatori, sono sempre più numerosi gli artisti che ne assumono il ruolo in mostre proprie e altrui. E spesso sono proprio musei e biennali ad affidarsi a loro

Harald Szeemann a Documenta 5 nel 1972

Sedi varie. «Ho conquistato la libertà; ho salvato l’indipendenza dell’arte»: così Gustave Courbet, che si era definito «l’uomo più orgoglioso e arrogante di Francia», spiegò la sua decisione di non partecipare all’Esposizione universale del 1855, organizzata dallo Stato, proponendo invece un suo «Padiglione del Realismo» proprio davanti alla mostra, lungo gli Champs-Élysées. Per 20 soldi si potevano vedere 40 dipinti di Courbet proposti secondo il gusto dell’autore, senza l’intervento dei curatori «pubblici». Ma l’esposizione fu un flop. I visitatori non arrivarono mai, i critici quasi non la notarono e i prezzi d’ingresso vennero dimezzati. Non si può nemmeno definire la prima mostra curata da un artista. Jacques-Louis David aveva già allestito una rassegna delle sue opere nel 1799. Eppure, con il senno di poi, la mostra di Courbet, fu fondamentale. Fu, come scrisse lo storico dell’arte Yves-Alain Bois, «il primo segnale di avanguardia», la prima ribellione al potere ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Pac Pobric, da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012