Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il bibliofago e il cineclasta

Alla Triennale l’avvincente confronto tra due liberi innovatori: Gianfranco Baruchello e John Latham

Gianfranco Baruchello, «Il montaggio. Indice», 1975-76, Roma, Fondazione Baruchello.

Non fu un’insana mania biblioclasta a spingere John Latham (Livingstone, Zambia, 1921 - Peckham, Gran Bretagna, 2006), nel 1966, a masticare le autorevoli pagine del saggio Arte e cultura del critico d’arte americano Clement Greenberg. L’artista britannico, ingoiando uno dei fondamenti della recente critica d’arte, piuttosto, intendeva ripudiare le presunte «verità» in esso contenute. Così come, appiccando il fuoco a torri fatte di libri (da lui chiamate «skoob towers»), non faceva altro che parodiare e disconoscere ogni sistema di conoscenza razionale. Equipaggiato di minore furia distruttiva ma di spirito altrettanto rivoluzionario, Gianfranco Baruchello (Livorno, 1924), negli stessi anni, s’impegnava a decostruire il linguaggio del film e della pittura: il primo attraverso inquadrature prevalentemente fisse e un montaggio anti narrativo, la seconda mediante assemblaggi di oggetti tridimensionali, selezionati sulla base di arbitrari principi combinatori. Quelle di Latham e Baruchello sono pratiche complesse, fuori da correnti artistiche riconosciute, in cui convergono pittura, scultura, performance e video.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012