Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Il 2014 è stato un anno record: il timore è aver toccato il limite massimo

Crolla il petrolio, collassa il rublo: l’arte terrà?

Contro ogni aspettativa, il mercato dell’arte ha sconfitto la crisi mondiale iniziata nell’ottobre 2008 e non ha fatto che crescere e realizzare volumi mai visti prima. Durerà? Ma intanto gli artisti sono diventati macchine per produrre

New York. A fine 2014 il mercato dell’arte appariva in piena salute. Lo scorso anno è stato speso più denaro in arte contemporanea che in ogni altro periodo della storia e gli scambi hanno mantenuto un tasso di crescita costante. Ma sotto la superficie emerge il disagio per gli effetti che il mercato determina sull’arte che lo nutre.
«Il mercato si è mangiato l’arte, dice Robert Storr, rettore della Yale University School of Art. Ci sono ancora buoni mercanti consapevoli dei rischi e artisti capaci di dire di no. Ma siamo in una posizione pericolosa e la questione va posta».
Le aste di contemporaneo a novembre hanno fruttato l’impressionante cifra di 1,66 miliardi di dollari. Nonostante ciò, entrambe le case d’asta hanno perso i loro rispettivi chief executive officer subito dopo le vendite. Sotheby’s deve ancora annunciare il successore di Bill Ruprecht; Christie’s ha rimpiazzato Steven Murphy con Patricia Barbizet, da lungo tempo manager ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Charlotte Burns, da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012