CONTINENTE ITALIA 970 x 90 Nuova testata GDA

Gallerie

Bologna

Un critico temperato

Renato Barilli si ripresenta come pittore

Un autoritratto di Renato Barilli in mostra da Stefano Forni.

Renato Barilli (Bologna, 1935) si ripresenta come pittore (attività interrotta cinquant’anni fa per svolgere quella di critico d’arte e letterario), con una mostra di tempere su carta, dal 19 settembre al 16 ottobre da Stefano Forni. Non è l’unico, beninteso, ad aver ricoperto il doppio ruolo: in Italia, ad esempio, esordì con tele e pennelli anche Francesco Bonami, mentre negli Stati Uniti Robert Storr abbina l’attività storico-artistica a quella di raffinato pittore astrattista. L’unico precedente espositivo di Barilli artista risale al 1962, al Circolo di cultura di Bologna. «Mi sono diplomato all’Accademia di Belle Arti nel 1959, ma ho pure preso la laurea in lettere, spiega Barilli. La mia carriera di critico d’arte era cominciata nell’autunno 1956, all’uscita del primo numero del “Verri”, la rivista di Luciano Anceschi alla cui ombra mi sono formato, ma per l’arte devo subito aggiungere anche l’influenza di Francesco Arcangeli. Ho dunque alle spalle quasi sessant’anni di attività, difficile da riassumere in poche battute.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Sandro Parmiggiani , da Il Giornale dell'Arte numero 345, settembre 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012