Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni & Documenti

L'Avvocato dell'arte

L'italia si autocondanna all'embargo culturale

La nostra forma di tutela meramente conservativa mortifica la proprietà privata

Lucio Fontana (1899-1968), Giuseppe Capogrossi (1900-72) e Alberto Burri (19-1995) sono sicuramente gli artisti più significativi che l’Italia possa vantare per la seconda metà del secolo XX. I primi due erano apparsi sulla scena già prima della seconda guerra mondiale; il terzo ha cominciato a esprimersi solo nel secondo dopoguerra e le sue opere (soprattutto le «combustioni») nascono dalla dolorosa esperienza del conflitto e della prigionia. Comunque, tutti e tre realizzano compiutamente il loro linguaggio dopo il secondo conflitto mondiale e in quegli anni si impongono non solo a livello nazionale ma anche sul piano internazionale. Le loro opere sono ormai ricercate dai musei di tutto il mondo e sono ampiamente e pienamente rappresentati nei musei italiani.
Come è noto, l’ordinamento italiano subordina la tutela dei beni culturali a due sole condizioni: la scomparsa dell’artista e l’ultracinquantennalità dell’opera tutelabile (art. 12/1 D.lgs. 42/04). Di tali due condizioni, la prima (scomparsa dell’artista) ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Fabrizio Lemme , da Il Giornale dell'Arte numero 345, settembre 2014



GDA410 SETTEMBRE 2020

GDA410 Vernisage

GDA410 GDEconomia

GDA410 GDMostre

GDA410 Vedere a Milano

GDA410 Vedere a Venezia

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012