Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Bologna

Un grido di dolore in do di petto (nelle scuole, italiani che odiano la musica)

I ministri Franceschini e Giannini intendono ridare alla Storia dell’arte tutto il peso che aveva nelle nostre scuole secondarie? La notizia suscita nei musicologi vivo plauso e un pizzico d’invidia. Nei licei, la Storia della musica (l’analogo della Storia dell’arte per il patrimonio musicale) è entrata quasi un secolo più tardi, con il Liceo musicale (2010). E lì si è fermata, nel senso che non è presente in alcun altro liceo o istituto tecnico o professionale. È cioè considerata una disciplina specialistica, come se riguardasse soltanto chi studia musica. Dapprima il Ministero aveva previsto nei cinque anni un orario di 2+2+1+1+1 ore settimanali; si è riusciti se non altro a portarle a 2+2+2+2+2, come la Storia dell’arte. Già, perché la Storia dell’arte nel Liceo musicale c’è, ma la Storia della musica nel Classico o nello Scientifico o in qualsiasi altro Istituto superiore non c’è. Aumentano dunque le chances che da adulti i musicisti vadano nei musei (ed è un bene), non però che gli altri ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Lorenzo Bianconi , da Il Giornale dell'Arte numero 344, luglio 2014


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012