Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Il fotografo che voleva il silenzio

© Sergio Larraín/Magnum Photos

Bard (Ao). Come spesso accade, anche a Sergio Larraín, il più grande fotografo cileno del secolo scorso, la morte (avvenuta nel 2012) ha portato una notevole fama postuma, come dimostrano le 127 immagini che compongono la grande mostra presentata nella scorsa edizione degli incontri di Arles e oggi visitabile al Forte di Bard: «Sergio Larraín. Vagabondages», a cura di Agnés Sire, fino al 9 novembre (catalogo Xavier Barral). Ma in questo caso non ci si può lamentare dell’incapacità dei critici o dei galleristi nel riconoscere un grande talento, poiché si è trattato di una vera e propria scelta di vita del fotografo, che non solo ha abbandonato la professione nel 1978, conducendo una vita all’insegna della meditazione e dell’insegnamento spirituale nella campagna cilena, ma ha anche chiesto e ottenuto, a partire dagli anni Novanta, una sorta di silenzio intorno al suo nome e alla sua opera. Nato nel 1931, Larraín era giunto in Europa negli anni Cinquanta e aveva raggiunto una certa fama nei primi anni Sessanta, quando Cartier-Bresson lo aveva voluto cooptare nell’Agenzia Magnum.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

da Il Giornale dell'Arte numero 344, luglio 2014


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012