Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

New York

Nessuno tocchi Lygia

Interattività parziale al MoMA

New York. Fino al 24 agosto il MoMA ospita la prima mostra statunitense di Lygia Clark (1920-88), figura centrale del Modernismo brasiliano. La rassegna «Lygia Clark: the Abandonment of Art, 1948-88» dà risalto all’arte relazionale dell’autrice e contribuirà a rafforzare il ruolo del museo come zona calda per la performance. Curata da Luis Pérez-Oramas e Connie Butler, la mostra è la più importante mai dedicata all’artista. La Clark fu un’importante protagonista del Neoconcretismo brasiliano, un movimento influenzato dall’arte non figurativa e geometrica, simile al Costruttivismo, al Suprematismo e alla Concrete art, ma critico nei confronti della rigida tradizione dell’astrazione geometrica europea, a favore di un approccio sensoriale e interattivo. «Uno degli obiettivi della mostra è di smantellare il concetto che la Clark fosse un’artista che lavorava in due direzioni, una formale e l’altra performativa-collettiva», spiega Pérez-Oramas. Alla fine degli anni Cinquanta la Clark passò dai quadri in bianco e nero con parti rimovibili a «Bichos» (bestiole), una delle sue serie più note.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Laurie Rojas, da Il Giornale dell'Arte numero 344, luglio 2014


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012