ALLEMANDI NUOVO SITO 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Vernissage

Pier Luigi Celli

Ma che c’entra il turismo con i Beni culturali?

Secondo il suo presidente (appena dimessosi), l’Enit accorpato al Mibact è un ossimoro: «Il primo deve promuovere e vendere, il secondo vuole conservare; e io non ho avuto un interlocutore»

Pier Luigi Celli. Foto: Maurizio Riccardi

«Avevo un padre muratore sui generis, gli piaceva restaurare i castelli dell’entroterra riminese. Preferiva farsi pagare in quadri e libri d’arte. Quindi, soldi sempre pochi in una casa piena di musica lirica, libri di tutti i tipi e quadri, soprattutto macchiaioli che poi mia madre vendeva di nascosto perché ce n’era bisogno. Mio padre mi ha lasciato questo gusto per l’arte di allora e per la lirica. Quella è stata la mia incubazione formativa».
Si presenta così Pier Luigi Celli, 72 anni, romagnolo di Verucchio. La sua carriera è segnata dalla diversità culturale: il pensiero non ortodosso di un manager che scrive libri e pensa «che la fortuna di un’azienda siano le persone che ci lavorano». Si definisce «un fritto misto, un irregolare». Un approccio critico alla vita e al lavoro che Celli spiega così nel suo ultimo libro, Alma matrigna. L’università del disincanto (Imprimatur editore), riflessioni sul significato della cultura e sull’esperienza da direttore alla Luiss, ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Edek Osser, da Il Giornale dell'Arte numero 343, giugno 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012