Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Vernissage

Venezia

Il demone onnivoro del conte Faust

Si apre al pubblico Palazzo Cini. All'interno, una strepitosa raccolta di dipinti dal XIII al XV secolo acquistati dal padrone di casa: Zeri e Berenson i suoi consiglieri

Forse pochi hanno sinora avuto il privilegio di visitare l’antica dimora veneziana del conte Vittorio Cini (Ferrara, 1885-Venezia, 1977) al quale si deve, nel 1951, la nascita dell’omonima Fondazione dedicata al figlio Giorgio. Situato tra le Gallerie dell’Accademia e la Fondazione Peggy Guggenheim, il vasto complesso, che si affaccia sul Canal Grande e che si allunga costeggiando Rio San Vio, è in realtà la risultante dell’accorpamento di due palazzi adiacenti, entrambi eretti nella seconda metà del Cinquecento. Alla fine degli anni Venti Vittorio Cini acquistò la porzione sul Canal Grande (un tempo dei Foscari e tutt’ora proprietà degli eredi della famiglia Cini) per poi provvedere all’unione interna con quella che nacque come residenza dei Grimani. Sono trascorsi trent’anni da quando quest’ultima ala del palazzo, donata nel 1981 alla Fondazione da una delle figlie gemelle del conte, Yana Cini Alliata di Montereale, insieme a parte della collezione paterna, venne inaugurata come Casa Museo. La raccolta qui conservata ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Veronica Rodenigo , da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012