Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Roma

Garze e carezze

Gallerja, fino al 12 luglio, presenta una decina di lavori del romano Carlo Rea (1962), riunite in una personale, «Impermanenze. Forme e immagini delle superfici in fluttuazione», curata da Bruno Corà. Figlio d’arte, dopo avere studiato al conservatorio, dagli anni Ottanta Rea intraprese un percorso di ricerca che dalla musica lo portò a lavorare con la scultura e la pittura monocrome, in diretta relazione con lo spazio circostante. Tra i lavori esposti, «Campo sonoro o ubiquità del tempo» (2013-14, nella foto di Massimo Zanconi l’artista con l’opera), un’installazione in ceramica a misura ambientale, formata da quarantadue pezzi simili a forme vegetali sottili e frastagliate, che, se accarezzate con le mani, vibrano leggermente. A parete sono collocate le «Impermanenze», superfici singole o composte in dittici o trittici, lavorate con lino, tempera e racchiuse sul verso e sul recto da uno strato di garza, e due grandi carte con al centro dei sollevamenti ricavati dalla stessa superficie: ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

F.R.M., da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012