Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Milano e Firenze

Dadamaino che azzerò Fontana

Buchi, alfabeti e rodoide in tre retrospettive

A dieci anni dalla morte di Dadamaino (Emilia Edoarda Maino, Milano 1930-2004) tre mostre ripercorrono il suo lavoro. Lo Studio Guastalla di Milano presenta dal 29 maggio al 30 settembre «Volumi 1958-1961», una ventina di opere forate da larghe aperture ovoidali che «svuotano» la tela fino a mostrare talora il telaio, elaborate dall’artista grazie alle suggestioni del lavoro di Fontana: Dadamaino condivise nel 1948 la redazione del primo Manifesto Spazialista, e rimase sempre in quell’area, lavorando con i Gruppi N e T in Italia e con il Gruppo Zero in Germania, condividendo l’avventura di Azimuth a Milano e cofondando «Nuova Tendenza». Ricercava quella che definiva una «tabula rasa» a cui, al contrario di Fontana, negava ogni seduzione cromatica, affidandosi al solo bianco o nero. A questi lavori si aggiungono alcuni «Moduli sfasati» degli anni Sessanta, con fori circolari ritmati ma lievemente sfalsati, talora su plastica rodoide. Anche la rassegna di Tornabuoni Arte a Firenze (dal 23 maggio al 23 luglio), curata da Flaminio Gualdoni, direttore dell’Archivio Dadamaino, punta su questi lavori, ai quali si aggiungono opere successive, fino agli anni Novanta.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012