GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Un cuore vulnerabile

Un dato ricorrente nelle sue biografie, oltre al ruolo di co-fondatore della cooperativa Magnum con Robert Capa e Henri Cartier-Bresson, è che David Seymour, al secolo David Szymin, conosceva sei lingue, patrimonio non secondario per un intellettuale appassionato alle vicende politiche e sociali del mondo, che osservava attraverso la quotidianità della gente. Nato a Varsavia nel 1911 da una famiglia benestante di ebrei polacchi, cresce nell’ambiente cosmopolita che si raccoglie intorno al padre, editore. Precoce linguista, pianista di talento e grande lettore, dopo gli studi di grafica all’Accademia di Lipsia si trasferisce a Parigi nel 1933, dove comincia a fotografare diventando per tutti Chim, lo pseudonimo con cui è noto al mondo come uno dei primi fotoreporter di guerra. Per riviste come «Regards» e «Life» coprirà i più importanti avvenimenti di quei decenni, con una Leica 35mm che gli permette di calarsi senza ostacoli al centro dei fatti; fino al 1956, quando viene ucciso a Suez durante un servizio per «Newsweek».
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012