Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Lione

Trovate da troubadour

È ai tragici destini di re, principesse ed eroi, da Du Guesclin a Terrail de Bayard, da san Luigi a Enrico IV, da Giovanna d’Arco a Maria Stuart, raccontati dai pennelli di Jean-Auguste Dominique Ingres, Paul Delaroche, Fleury Richard, Pierre Révoil e di molti loro contemporanei europei, che fino al 21 luglio il Musée des Beaux-Arts dedica la mostra «L’invenzione del passato. Storie di cuore e spada in Europa». Una bella mostra che, per la prima volta da una quarantina d’anni, si concentra su quell’importante periodo della storia dell’arte, la nascita dello stile troubadour, fiorito nel corso del XIX secolo con la riscoperta da parte degli artisti, e spesso in una visione idealizzata, del Medioevo e del Rinascimento, e che si alimenta della letteratura romantica, con le epopee di Walter Scott. Il museo lo racconta attraverso 200 opere tra dipinti, disegni e sculture, mettendo l’accento sugli artisti della Scuola lionese. Di Révoil, tra i precursori dello stile troubadour, insieme al collega e amico Richard, si può ammirare «Un torneo nel XIV secolo».
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012