Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Einaudi

Se Giotto fa i ritratti con l'iPad

Nella dotta storia dell'autoritratto di James Hall alcuni arbitrii sono indigeribili

Tanta erudizione, un corredo iconografico imponente, un paio di motivi ricorrenti trasversali all’ampio arco cronologico considerato (lo specchio e il tema del bambino prodigio, oltre al prevedibile Narciso) nel saggio di James Hall, ora tradotto da Einaudi, che traccia una storia culturale dell’autoritratto dall’antichità al contemporaneo.
In dieci capitoli il libro fa una panoramica sul genere, scandita a tratti per cliché (artista rinascimentale = eroe; artista neoclassico = Ercole al bivio; artista romantico = genio erotomane...), che culmina nel bel capitolo finale dedicato all’eclissi del volto a vantaggio del corpo avvenuta da Nietzsche in poi. In uno studio in cui si dà il dovuto spazio all’epoca rinascimentale e barocca, spiace che non sia approfondito il postulato del preludio: «l’autoritratto, più che un ritratto, è prima di tutto un prodotto della memoria e dell’immaginazione»: dell’Ars memorandi, che insegnava a vedere in una medesima prospettiva biografia e ritratto e fu meritoriamente ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Alessandra Ruffino, da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia-Romagna

GDA409 Vedere nelle Marche

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012