Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Dall'arte popolare all'entertainment, dai fumetti ai videogiochi

Giocate, giocate: qualcosa resterà

Mercato alle stelle, musei dedicati, opere esposte al MoMA. Moebius, Hergé e Miyazaki sono gli eredi di Dorè e Daumier

Quando nel novembre del 2012 il Museum of Modern Art (MoMA) di New York annunciò che la creaturina mangia-puntini di Pac-Man e l’idraulico coi baffi di Super Mario Bros avrebbero raggiunto «Les Demoiselles d’Avignon» di Picasso e i barattoli di Campbell’s soup di Andy Warhol, la notizia venne accolta come una rivoluzione. Più di un anno dopo i videogiochi, insieme a fumetti, manga e cinema d’animazione, hanno anche il loro museo. È nato a Parigi nel nuovo complesso dei Docks, un serpentone di vetro verde e acciaio che si riflette nella Senna ed è cuore della Cité de la mode et du Design aperta nel 2012. È il Musée de l’Art ludique, dedicato all’arte popolare dell’entertainment. Ma è «legittimo» parlare di arte? Ci risponde Jean-Jacques Launier, fondatore del nuovo museo che intende costituire entro il 2014 una collezione permanente da affiancare a tre grandi mostre temporanee ogni anno. Per Launier non si può più ignorare che i creatori dei fumetti e dei mondi animati ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 342, maggio 2014



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012