GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Gioli tra vessazioni e autoanatomie

Ritratto, figura e natura morta sono generi classici della tradizione pittorica, che si sono travasati naturalmente nella pratica fotografica, adattando e modificando nel corso del tempo i loro modi di apparizione e di elaborazione concettuale. Non stupisce dunque che la retrospettiva di Paolo Gioli organizzata dalla Soprintendenza e da Incontri Internazionali d’Arte alla Casa della Fotografia a Villa Pignatelli si concentri proprio su questi temi, scandagliandone possibilità e variazioni all’interno di una poetica attenta non solo all’immagine in quanto tale, ma anche e soprattutto al suo rapporto con il tempo e con gli strumenti che le danno vita («Paolo Gioli. Abuses. Il corpo dell’immagine», dal 12 aprile al primo giugno, a cura di Giuliano Sergio, catalogo Peliti). Nato a Sarzana nel 1942, Gioli ha fatto della sperimentazione sui linguaggi e sulle tecniche il centro della propria poetica: primariamente fotografo, si è misurato anche con il cinema e con la pittura ed è da tale intreccio di interessi e suggestioni che nasce la complessità del suo percorso, tra i più singolari dell’arte contemporanea non solo italiana.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

W.G., da Il Giornale dell'Arte numero 341, aprile 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012