Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Identità in formato MaXXI

Quattro anni fa s'inaugurava a Roma il museo nazionale delle arti del XXI secolo. Venti personalità dell’arte e dell’architettura gli danno i voti

Il MaXXI di Roma

Roma. Il MaXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, compie a giugno quattro anni. È un museo giovane, ma ha già una sua storia. Abbiamo chiesto a personalità dell’arte e dell’architettura se è riuscito a ritagliarsi una sua identità.
In una intervista di marzo a «Il Giornale dell’Arte» il presidente della Fondazione MaXXI Giovanna Melandri, in carica da ottobre 2012, ha dichiarato: «Attenzione, il MaXXI non è solo un museo, il MaXXI è una piattaforma aperta a tutti i linguaggi del contemporaneo, che vuole attirare e integrare pubblici diversi. Per questo abbiamo messo in piedi una serie di attività collaterali, dallo yoga al cinema, non molto gradite ai puristi». Dichiara a riguardo Laura Cherubini, critico d’arte e curatrice: «Al MaXXI c'è architettura, design, cinema, letteratura, danza? Più che giusto, come in tutti i migliori musei del mondo di arte contemporanea. Il MaXXI è e deve rimanere un museo e per restare tale deve mantenere l'apertura interdisciplinare. L'importante ...

Guglielmo Gigliotti, edizione online, 28 aprile 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012