MUSEO INFINITO 970x90 gif
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Tre miti a Londra

La Photographers’ Gallery apre il nuovo anno con tre mostre, dedicate a tre figure di riferimento della cultura americana del XX secolo: William Burroughs, Andy Warhol e David Lynch. Per ognuno di loro la fotografia è stata non solo un elemento determinante nell’individuazione dei percorsi creativi, ma anche luogo solitario e svincolato, dove parlare tra sé e sé, e prendere appunti. Tanto che nelle immagini esposte, generalmente poco viste, si trova già eco della loro opera. Dal mondo disintegrato e giustapposto di «Il pasto nudo» di Burroughs, al collasso di ogni gerarchia nell’orizzontalità seriale predicata dal padre della Pop art, fino all’oscurità senza scampo messa in scena da Lynch. «Taking Shots» raccoglie oltre un centinaio di lavori tra cui stampe, collages e assemblaggi, che lo scrittore ha realizzato tra i primi anni ’50 e i ’70. Ritratti, interni, vedute di New York, Tangeri, Parigi: scampoli che riflettono l’andamento nomade del suo pensiero. «Photographs 1976-1987» presenta una cinquantina di vintage in bianco e nero, scattate da Warhol con la 35mm, oltre a una serie delle sue Stitched Photographs.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 1, 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012