Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Arte come complotto

In un momento di crisi di riferimenti nelle relazioni tra intellettuali e potere, quando gli showmen diventano capipopolo, e i pensatori trescano con le poltrone, torna di grande attualità la relazione tra arte e politica, tema spesso trascurato nei tempi del postmoderno trionfante. Demetrio Paparoni, curatore di mostre e saggista, racconta la sua visione dell’arte moderna e contemporanea come complotto nel dettagliato volume Il bello, il buono e il cattivo, il cui titolo cita ironicamente Sergio Leone. Nell’introduzione chiarisce di avere avuto la folgorazione per questa ricerca durante un lavoro curatoriale in Israele (Paese in cui il nesso che intende esplorare è senz’altro assai forte) e da lì ha deciso di affrontare un percorso che parte da Napoleone e approda alla complessità del presente, verificando la cronaca della ricerca estetica come mappa geopolitica di forze e tensioni. Dal tentativo di megamuseo parigino dell’Empereur a quello del mancato Hitler Museum di Linz, a cui il dittatore attese fino all’estremo della sua vita nel bunker assediato, è tutta una sequenza di progetti di collezioni tiranniche, ma anche le democrazie non sono da meno.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Luca Scarlini, da Il Giornale dell'Arte numero 340, marzo 2014



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia Romagna Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere nelle Marche Luglio-Agosto 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012