GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Cartier-Bresson uno e trino

Prima grande retrospettiva a dieci anni dalla morte

Parigi. «Io osservo, osservo, osservo. È attraverso gli occhi che capisco»: così Henri Cartier-Bresson rendeva esplicito il proprio atteggiamento nei confronti del mondo e della creazione, e forse anche le ragioni per le quali era diventato, secondo i suoi contemporanei, «l’occhio del secolo». A dieci anni dalla sua morte, il Centre Pompidou dedica al maestro nato a Chanteloup-en-Brie nel 1908 la prima grande retrospettiva europea postuma, un’enorme rassegna composta da oltre 500 opere tra fotografie, film, disegni, dipinti, scalate lungo l’intero arco della sua esistenza, con particolare attenzione al periodo che va dagli anni Venti agli anni Settanta (fino al 9 giugno, a cura di Clément Chéroux, catalogo Editions du Centre Pompidou, 400 pp., e 49,90). La mostra odierna si struttura su tre assi portanti, cronologiche e tematiche insieme, con l’intenzione di fornire al pubblico una visione il più articolata possibile della molteplice creatività di HCB, secondo l’acronimo col quale era già conosciuto in vita.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Walter Guadagnini, da Il Giornale dell'Arte numero 340, marzo 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012