GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Dora e le amazzoni

Dora Maar, «Scène au marché de la Boquería», 1934 Collezione privata, Barcellona

Venezia. «Le sue fotografie mi ricordano le tele di De Chirico. Rappresentano spesso un lungo tunnel con in fondo la luce e un oggetto piuttosto difficile a identificarsi perché si trova in contro-luce». Così Picasso descrive le immagini di Dora Maar, sottolineando l’enigma di una vicenda biografica e artistica che ha sofferto l’ombra schiacciante del grande pittore. Nata a Parigi (1907-97) da madre francese e padre croato, Henriette Theodora Markovitch, questo il vero nome, si iscrive diciannovenne all’Accademia di André Lothe per poi passare all’École de Photographie de la Ville de Paris, ed è già una fotografa quando nel 1936 incontra Picasso. Tra i due nasce una storia d’amore che la segnerà per tutta la vita, portandola quasi alla follia in seguito all’abbandono da parte del pittore. Anche per questo «Dora Maar. Nonostante Picasso», la mostra che dall’8 marzo Palazzo Fortuny dedica all’artista francese, si pone come dovuto omaggio a una figura tutt’altro che trascurabile della storia culturale di quegli anni.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 340, marzo 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Dora Maar, Marionnette accrochée à une palissade, 1934 Collezione Jill Quasha, New York
  • Man Ray Portrait de Dora Maar - Solarisation, 1936 Collezione J-P. Godeaut, Parigi
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012