Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Vernissage

Londra

Io sono il creatore del nulla

Martin Creed, il più provocatoriamente «inconsistente» degli artisti britannici, è alla sua prima importante retrospettiva: «Non definitemi un concettuale, preferisco "decorativo"»

Martin Creed (Wakefield, Gran Bretagna, 1968) è un artista conosciuto per la capacità di riuscire a ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. Lui stesso ha affermato: «Per me è importante creare un grande nulla» e le sue opere più «inconsistenti» spesso sono anche le più rilevanti. «Work No. 27: The Lights Going On and Off» (2000) gli valse un controverso Turner Prize nel 2001 e, più recentemente, il 27 luglio 2012 alle ore 8.15 in punto, ha inaugurato i Giochi Olimpici di Londra con «Work No. 1197: All the Bells in a Country Rung as Quickly and Loudly as Possible for Three Minutes»: per tre minuti tutte le campane del Paese hanno suonato all’unisono e persino il Big Ben, con un raro strappo alla tabella di marcia, ha battuto 40 rintocchi. Lamentandosi della difficoltà di scegliere che cosa fare, Creed tende a utilizzare ciò che lui stesso descrive come «roba che c’è già», che può andare dalla luce all’aria, dal suono a umili oggetti solitamente gettati via. Molti dei fogli A4 scelti con cura e che costituiscono l’opera «Work No.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Louisa Buck, da Il Giornale dell'Arte numero 339, febbraio 2014


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012