Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Vernissage

Metz

Predatori senza posa: quando impazza il paparazzo

Al Centre Pompidou le fotocronache dei reporter celebrati da Fellini: tra i «paparazzi», anche gli artisti, che da Hamilton alla Sherman hanno attinto da quelle immagini rubate

Come pizza, belcanto, mafia e poche altre, paparazzi è una delle parole italiane riconosciute e utilizzate in tutto il mondo, talmente precisa e individuata da non necessitare alcuna traduzione. D’altra parte, la nascita del termine si deve alla genialità di Fellini, Pinelli e Flaiano, che diedero al fotografo a caccia di scoop del film «La dolce vita» il cognome di Paparazzo: dal successo planetario di quel film, e della «Hollywood sul Tevere» che a modo suo raccontava, sono iniziate la diffusione, la celebrazione e la dannazione di quel termine e di quella professione. Non nuova, in realtà, se si ammette che questi fotografi d’assalto sono nati assieme alla possibilità di stampare le fotografie sui giornali, a inizio ’900, e che figure da tempo nella storia della fotografia come Erich Salomon o Weegee già incarnavano alcune delle caratteristiche più tipiche del mestiere: la capacità di essere sempre sulla notizia, la predilezione per i personaggi famosi, l’abilità nel cogliere il soggetto impreparato allo scatto, quando non addirittura la capacità di riprenderlo a sua insaputa.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Walter Guadagnini, da Il Giornale dell'Arte numero 339, febbraio 2014


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012