Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Parigi

Un museo deve prima di tutto acquistare

«Il primo obiettivo di un museo è sempre quello di acquisire nuove opere d’arte»: con queste parole Guy Cogeval, presidente del Musée d’Orsay, ha presentato la mostra «Sette anni di riflessione» (fino al 22 febbraio), in cui sono esposte oltre 180 delle circa 4mila opere acquisite dal 2008 a oggi, gli anni della presidenza di Cogeval. La mostra è organizzata per tipologie di acquisizione: donazioni, cessioni per benefici fiscali, lasciti, acquisti. Non potendo beneficiare di sovvenzioni statali, questi ultimi sono stati possibili soprattutto grazie a una percentuale (16%) sul prezzo d’ingresso al D’Orsay e al Musée de l’Orangerie (amministrativamente fanno entrambi parte, insieme al Musée Hébert, del medesimo complesso museale pubblico), una cifra che si aggira sui 3 milioni di euro all’anno. Tra i lavori esposti ci sono opere di Maurice Denis («Ritratto di Yvonne Lerolle in tre aspetti», 1897), Pierre Bonnard, James Tissot («La cerchia della rue Royale», 1868), Edward Burne-Jones (il grande arazzo «L’Adorazione dei Magi», 1904; nella foto in alto).



...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

G.H., da Il Giornale dell'Arte numero 348, dicembre 2014


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012