Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Una politica dei beni culturali

Quando lo storico dell’arte era un partigiano

A rileggere oggi il saggio di Andrea Emiliani del 1974 appare sovrastimata l’importanza civile della storia dell’arte

È utile rileggere Una politica dei beni culturali di Andrea Emiliani, ripubblicato oggi a distanza di quarant’anni dalla prima edizione Einaudi, per misurare la distanza che corre tra i due momenti. Quando Emiliani scrive il libro, nel 1974, le attese per la riorganizzazione dello Stato italiano in senso regionalistico sono all’apice. Si immagina, e Emiliani immagina, che la conoscenza «capillare» del patrimonio diffuso possa orientare le scelte della classe dirigente, e che la storia dell’arte, intesa come storia sociale e antropologia culturale, possa condurre al rispetto delle diverse vocazioni territoriali. È un progetto non semplicemente antiquario, al contrario, è per più versi avantgarde: Una politica dei beni culturali si apre non a caso con il riconoscimento di un debito di gratitudine per Giorgio Morandi e Francesco Arcangeli, l’uno e l’altro profondamente legati alla «provincia» emiliana.
Agli occhi di Emiliani esiste la più stretta continuità tra politica e tutela: quest’ultima è presentata come «braccio secolare» dell’azione del partito di riferimento, il Pci.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Michele Dantini, da Il Giornale dell'Arte numero 348, dicembre 2014


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012