Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fulmini e saette

Digione (Francia)

Bon ma ingannevole

© Musée des Beaux-Arts de Lyon / photo Alain Basset

Insieme a Charles de la Fosse, Jean Jouvenet, Antoine Coypel e Louis de Boullogne (suo fratello minore), Bon Boullogne (nato in una famiglia di pittori: il padre, il fratello e due sorelle furono membri dell’Académie Royale) fu uno dei grandi pittori a tema storico della fine del regno di Luigi XIV, ma sicuramente il meno noto e il meno studiato tra i cinque. «Voler dedicare una mostra a un artista di cui la maggior parte delle opere è scomparsa è come accettare una scommessa», sottolinea François Marandet, storico dell’arte e curatore della mostra «Bon Boullogne (1649-1717). Un chef d’école au Grand Siècle», allestita al Musée Magnin dal 5 dicembre al 5 marzo. Non solo infatti lo stesso Boullogne «preparò la dissoluzione di parte della sua opera», spiega Marandet, ma è anche noto che l’artista del Re Sole «imitò i pittori di diverse scuole, realizzando talvolta vere e proprie contraffazioni, capaci di ingannare persino i fini conoscitori. Tuttavia, anche al di là dei pastiche, aggiunge il curatore, l’opera di Bon Boullogne appare spesso proteiforme».
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 348, dicembre 2014


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012