Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Vienna

Le vie del Mak

Gli architetti Josef Hoffmann e Adolf Loos, entrambi nati nel 1870 in quella che sarebbe diventata la Cecoslovacchia, furono determinanti per la fioritura delle arti nell’ultimo scorcio asburgico a Vienna e lasciarono segni fondamentali non solo nella capitale austriaca. Col titolo «Vie al modernismo», dal 17 dicembre al 19 aprile il Mak dedica a Hoffmann e Loos una mostra che, articolata in cinque sezioni, e curata da Christian Witt-Dörring, è incentrata sul periodo compreso tra il 1897, anno della fondazione della Secessione viennese, e il 1910, anno che vide l’esaurimento della spinta del Modernismo. Nel percorso spiccano materiali su due edifici emblematici: il Palais Stoclet di Bruxelles, alla cui realizzazione tra il 1905 e il ’11 Hoffmann lavorò a stretto contatto con Gustav Klimt, e l’edificio sulla Michaelerplatz di Vienna, diventato nel 1910-11 il simbolo delle idee di Loos. La mostra mette inoltre a confronto la realizzazione di due progetti per interni, quasi coevi (la camera da letto ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Fl.Fo., da Il Giornale dell'Arte numero 348, dicembre 2014



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012