Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Bufale archeologiche

Il valzer degli spatinatori

Che cosa è la patina antica nelle opere d’arte? Non è lo sporco. Non è una vernice applicata sulla superficie. Non è la polvere né la terra. Per il marmo e i materiali lapidei la patina è tutto ciò che rimane dopo una bella lavata con acqua e sapone di Marsiglia.
La patina è composta da tutti quei materiali che accidentalmente si sono depositati sulla superficie di una pietra nel corso degli anni o dei secoli, che l’opera sia rimasta in superficie o che sia finita sotto terra. Le patine sono come un «orologio biologico» dell’opera in marmo. Certe patine per i marmi sono come il carbonio 14 per i materiali organici o come la termoluminescenza per le terrecotte, cioè la prova scientifica dell’età di una scultura lapidea. Le patine storicizzano l’opera, hanno il loro fascino e anche un senso estetico. In definitiva la patina è tempo, dunque storia.
Allora perché ci sono ancora tecnici restauratori, soprintendenti o direttori di musei che la grattano via meccanicamente o chimicamente? Ricordo intorno l’anno 1988 una curiosa polemica: Federico Zeri all’improvviso dichiarò falso il Trono Ludovisi.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Dario Del Bufalo , da Il Giornale dell'Arte numero 348, dicembre 2014


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012