Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Faenza

Faenza in progress

L’espansione del Museo Internazionale delle Ceramiche (Mic) continua con la nuova sezione dedicata alla scultura internazionale del XX secolo ricca di un centinaio di pezzi dal 1950 a fine Novecento (nella foto, una sala). I lavori, in passato esposti saltuariamente o mai esposti, si devono ad autori stranieri tra cui i finlandesi Rut Bryk e Paivi Rintaniemi, gli statunitensi Paul Donhauser e Betty Woodman, l’ungherese Imre Schrammel, il belga Mirko Orlandini, il giapponese Suhearu Kukami, la cecoslovacca Jindra Vikova, lo spagnolo Claudi Casanovas, il cinese Lu Bin, gli argentini Carlos Carlé, Ana Cecilia Hillar e Silvia Zotta. «Questa nuova sezione, ci dice il direttore del Mic Claudia Casalisi accompagna per contenuti e modalità progettuali alla mostra “La ceramica che cambia”. Portare sempre più alla pubblica fruizione il nostro patrimonio permanente, anno dopo anno, deve essere l’obiettivo di ciascun direttore del museo, nel rispetto di criteri di scientificità e valorizzazione.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Stefano Luppi , da Il Giornale dell'Arte numero 346, ottobre 2014


Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012