GDA414 in edicola
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Fotografie esplosive

Minacce e clima teso al Jeu de Paume di Parigi per l'esposizione degli scatti della palestinese Ahlam Shibli. Il museo accusato di apologia del terrorismo

Ahlam Shibli, Senza titolo (Death n° 37)  Palestina, 2011-2012.   Campo di rifugiati di Balata, 12 febbraio 2012.  Courtesy l’artista © Ahlam Shibli

Parigi. Sin dalla sua apertura, lo scorso 28 maggio, la mostra «Foyer Fantôme» che si tiene al Jeu de Paume solleva proteste e polemiche. Il museo parigino è accusato di fare «apologia del terrorismo» per aver esposto gli scatti della fotografa palestinese Ahlam Shibli. Attraverso la sua macchina fotografica l’artista, nata nel 1970 da una famiglia di pastori palestinesi della Galilea, dà volto agli uomini che hanno commesso attentati suicidi per opporsi all’occupazione o che sono rimasti uccisi negli attacchi dell’esercito israeliano. Combattenti che Ahlam Shibli definisce «martiri palestinesi». La denuncia è arrivata il 3 giugno in una lettera del Consiglio delle organizzazioni ebree di Francia, il Crif. Da allora il clima si è fatto teso. Il Jeu de Paume è stato costretto a chiudere al pubblico il 14 giugno per un allarme bomba, poi rivelatosi falso, ed è bersaglio di minacce ogni giorno. Il servizio d’ordine è stato rinforzato intorno al museo, che si trova nei giardini delle Tuileries, tra il Louvre e la place de la Concorde.

Luana De Micco, edizione online, 20 giugno 2013

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Ahlam Shibli, Senza titolo (Death n° 33),  Palestina, 2011-2012. © Ahlam Shibli
  • Ahlam Shibli, Senza titolo (Death n° 3),  Palestina, 2011-2012. Quartiere di Rafidia, 15a strada, Nablus, 22 febbraio 2012.  Courtesy l’artista © Ahlam Shibli
GDA414GDA414 VERNISSAGEGDA414 GDECONOMIAGDA414 GDMOSTREGDA414 RA ASTE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012