Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Carismatico e spietato

Cristogramma in bronzo, fine IV secolo d.C., Museo Regionale di Celje


Roma. Si sposta da Palazzo Reale di Milano al Colosseo la mostra su Costantino (cfr. n. 324, ott. ’12, p. 45) che celebra il 17mo centenario del celebre Editto di tolleranza (313 d.C.) che per la prima volta diede la libertà di culto a tutti, cristiani compresi. Ideata e progettata dal Museo Diocesano di Milano, curata da Gemma Sena Chiesa e Paolo Biscottini, non cambia nella sostanza per quanto solo poco più della metà dei pezzi ha ottenuto il via libera per questa seconda tappa, dall’11 aprile al 15 settembre. Uomo intelligente e crudele, imponente di statura, carismatico, giusto con cristiani ed ebrei ma spietato coi familiari, Costantino è colui a cui è dedicata la monumentale Enciclopedia costantiniana in tre volumi Treccani voluta dal cardinale Angelo Scola e diretta da Alberto Melloni, presentata all’Ambrosiana di Milano il 21 marzo, quasi in concomitanza con la chiusura della mostra. La quale nel trasferirsi al Colosseo se è vero che perde pezzi si arricchisce di nuove opere, per un totale di 160 manufatti, con una sezione specificatamente romana curata dalla soprintendente Mariarosaria Barbera. Tra le novità il pannello in opus sectile con la pompa circensis della basilica di Giunio Basso da Palazzo Massimo, oltre a materiali inediti da scavi recenti. Un approfondimento è dedicato all’Arco di Costantino (catalogo Electa. Nella foto, Cristogramma in bronzo, fine IV secolo d.C., Museo Regionale di Celje).

Articoli correlati:
La rivoluzione di Costantino

F.C.G., da Il Giornale dell'Arte numero 330, aprile 2013


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012