Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Italia anni Sessanta: l’Informale va minimizzato

Rodolfo Aricò (1930-2002), «L'oggetto tenebroso di Paolo Uccello», 1970. Olio su tela, 48x96 cm, Courtesy A arte Studio Invernizzi, Milano. Foto Bruno Bani, Milano © Archivio Rodolfo Aricò, Milano


Venezia. La donazione, da parte degli eredi, della «Intersuperficie curva bianca» (1963) di Paolo Scheggi, alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, è l’occasione, per il curatore Luca Massimo Barbero, di riscoprire il lavoro di questo artista, scomparso a soli 31 anni nel 1971, e, parallelamente, di rivisitare gli anni del dopoguerra italiano con il progressivo superamento dell’Informale attraverso la mostra «Postwar. Protagonisti italiani», allestita dal 23 febbraio al 15 aprile alla Collezione Peggy Guggenheim. Tre gli artisti, individuati quali simboli dell’avanguardia degli inizi degli anni Sessanta, a cominciare da Lucio Fontana, di cui è esposto «Quanta» (1960), della Fondazione intitolata all’artista, nove elementi rossi triangolari, con buchi e tagli che si ricollegano ai suoi concetti spaziali. Seguono Piero Dorazio e i suoi reticoli ottici, esemplificati in tele quale «Mar Maraviglia» (1962) ed Enrico Castellani, con il suo azzeramento della superficie pittorica a favore delle tele perlopiù bianche, monocrome ed estroflesse. In questa prospettiva, si inseriscono le «Intersuperfici» di Scheggi, ottenute dalla sovrapposizione di tre diversi strati di tela, a creare un’interazione creativa con lo sguardo dello spettatore. Nella sala a lui dedicata si contrappongono tre intersuperfici bianche ad altrettante nere, mentre a fare da pendant a questo trionfo della monocromia, tipica dell’avanguardia degli anni Sessanta, si fronteggiano «Intersuperficie Curva Arancio» (1969) e «Intersuperficie Curva rossa». A chiusura del percorso un approfondimento dedicato a Rodolfo Aricò nella sua duplice veste di pioniere dell’avanguardia minimalista in Italia e, insieme, di moderno interprete della prospettiva rinascimentale, come in «L’oggetto tenebroso di Paolo Uccello» (1970).

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 328, febbraio 2013


  • Paolo Scheggi (1940-1971), «Intersuperficie curva bianca», 1963. Tre tele sovrapposte, 60x80 cm, Fondazione Solomon R. Guggenheim, Venezia. Donazione Franca e Cosima Scheggi, 2012

Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012