Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Piero d’America

«Madonna con Bambino in trono e quattro angeli» di Piero della Francesca, © Sterling and Francine Clark Art Institute, Williamstown, Massachusetts

New York. Viaggiando in Italia negli anni Venti, lo scrittore inglese Aldous Huxley si imbatté in quello che più tardi avrebbe descritto come «Il quadro più bello del mondo», ossia l’affresco della «Resurrezione» di Piero della Francesca. È però l’accoglienza dell’artista nel Nuovo Mondo (grazie a un rinnovato interesse nei suoi confronti a inizio Novecento) lo spunto per la mostra «Piero della Francesca in America», alla Frick Collection dal 12 febbraio al 19 maggio. Nel 1903 Isabella Stewart Gardner fu probabilmente la prima collezionista americana delle sue opere, acquistando l’affresco «Ercole» (1470 ca), che per problemi legali entrò in America solo nel 1908. «Piero non dipinse molti quadri, spiega il curatore Nathaniel Silver. La rarità delle sue opere divenne un fattore chiave per i collezionisti, che “lessero” la semplicità e la monumentalità solenne delle figure di Piero attraverso il Cubismo e l’Impressionismo. Helen Clay Frick non fu una grande fan dell’Impressionismo, ma uno dei suoi migliori amici, Bernard Berenson, aveva già tracciato dei paralleli tra le composizioni di Piero e quelle di Cézanne».
La rassegna è dedicata ai quadri di Piero, sette dei quali sono in mostra. Accanto alla pala d’altare «Madonna con Bambino in trono e quattro angeli» dallo Sterling and Francine Clark Art Institute di Williamstown, figurano prestiti dalla National Gallery of Art di Washington e dal Museu Nacional de Arte Antiga di Lisbona, che hanno permesso agli organizzatori di riunire sei degli otto pannelli della pala d’altare di Sant’Agostino.

Pac Pobric, da Il Giornale dell'Arte numero 328, febbraio 2013


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012