Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Londra e New York

Stress da «fairtigue»? Consolatevi: non se ne può fare a meno

Il numero di fiere continua a crescere (ormai sono circa 200 all’anno e c’è chi ne fa più di dieci) e per i galleristi più giovani sono una boa per sopravvivere. Ma la qualità delle opere reggerà questi ritmi forsennati?

«Mask II» (2001-02) di Ron Mueck sotto gli sguardi dei visitatori di una fiera. Brisdaily photo

Londra e New York. Scoppierà mai la bolla delle fiere? Gli esperti del mercato hanno previsto che quest’anno i galleristi ridurranno le partecipazioni alle fiere a causa dei costi crescenti e del congestionamento del calendario delle mostre mercato, soprattutto in primavera e autunno. La «fairtigue» (fatica da fiera) è una malattia piuttosto comune del mondo dell’arte, da quando mercanti, collezionisti e consulenti devono scegliere tra più di 200 appuntamenti all’anno. Alcune gallerie hanno deciso di essere più selettive: Yvon Lambert di Parigi ha accorciato l’elenco delle fiere da nove a sette (il mercante francese quest’anno salterà la messicana Zona Maco e Artissima a Torino). Una portavoce di David Zwirner, che ha presenziato a quindici fiere nel 2012, rivela che saranno «un po’» meno nel 2013 (senza specificare quali saranno le escluse), mentre Gerd Harry Lybke, fondatore di Eigen+Art di Lipsia e Berlino, dichiara l’intenzione di non partecipare più a dodici fiere come nel 2012.
In linea di massima, tuttavia, le defezioni sono meno di quanto ci si potrebbe aspettare.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Gareth Harris, da Il Giornale dell'Arte numero 328, febbraio 2013


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012