Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Londra

La vecchia Tate è tutta nuova

Inaugurata la seconda fase del Millbank Project, con cui la Tate Britain, la «casa dell’arte britannica», reclama un posto d’onore tra i grandi musei del mondo

Il 19 novembre la Tate Britain ha riaperto al pubblico le sale più antiche della propria sede. Si tratta della seconda fase del Millbank Project, il piano di ristrutturazione e riallestimento del museo (realizzato da Sydney R.J. Smith e aperto nel 1897), che aveva visto l’inaugurazione delle prime dieci sale a maggio (progetto di Herzog & de Meuron) e che sarà completato nel 2014 con l’apertura di altre dieci sale per l’esposizione di circa 500 opere (costo totale 45 milioni di sterline, 54 milioni di euro ca). Nata nel 2000, quando la Tate Gallery si era scissa dando vita alla Tate Modern e, appunto, alla Tate Britain, la cosiddetta «casa dell’arte britannica» ha sempre sofferto di un senso di inferiorità rispetto alle più prestigiose istituzioni mondiali, arrivando a contare 1,5 milioni di visitatori l’anno, ma consapevole di avere un potenziale ben più alto. Ora, le trasformazioni principali realizzate dallo studio Caruso St John Architects, autore di questa seconda ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Javier Pes, da Il Giornale dell'Arte numero 337, dicembre 2013


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012