Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Parigi

Paris Photo da e per Los Angeles

135 gallerie ma anche collezioni pubbliche e private in mostra

Photographie Keystone, Giovani donne malgasce, Parigi, 1931. Courtesy Galerie Obsis

Parigi. Forte del successo della prima edizione internazionale a Los Angeles la scorsa primavera, Paris Photo si ingrandisce anche nella capitale francese per l’edizione di quest’anno, in attesa del nuovo appuntamento nei Paramount Pictures Studios nella città californiana dal 25 al 27 aprile 2014. Il Grand Palais accoglie dal 14 al 17 novembre 135 gallerie provenienti da tutti i continenti, 27 alla loro prima partecipazione. Molte hanno fatto la scelta di mostre monografiche, come Thaddaeus Ropac (Salisburgo e Parigi), per la prima volta a Paris Photo, che presenta un solo show dedicato a Robert Mappelthorpe (curatrice l’attrice Isabelle Huppert), o la torinese Guido Costa, che espone Paul Thorel, un pioniere della fotografia digitale.
Dal 2011, Paris Photo al Grand Palais presenta una mostra intitolata «Collezione privata», che quest’anno rende omaggio a Harald Falckenberg, un uomo d’affari di Amburgo. Dalla raccolta «Common sense» di Martin Parr, critica del turismo consumistico, ai collage di Albert Oehlen, dalla documentazione fotografica di Sigmar Polke sul duomo di Siena fino alle sigarette di Richard Prince, si tratta di una delle più importanti collezioni al mondo per l’arte multimediale.
Nella sezione dedicata alle «Acquisizioni recenti», sono presentate le ultime scelte di tre musei: l’Instituto Moreira Salles di Rio de Janeiro, che ha una collezione di più di 900mila fotografie dal XIX secolo a oggi e si sta concentrando sulla documentazione della trasformazione urbana in Brasile; l’Art Gallery of Ontario di Toronto, che presenta il lavoro dell’artista canadese Arnaud Maggs, «After Nadar», un omaggio al grande fotografo che riprese nel 1855 il mimo francese Charles Deburau; e il Museum Folkwang di Essen, che quest’anno ha acquisito la collezione del fotografo svizzero Ernst Scheidegger ed espone due mostre parallele di fotografie di guerra, una con i grandi nomi del XX secolo da Capa a Bresson, l’altra con reportage attuali sulla primavera egiziana, realizzati con tutti i mezzi tecnici possibili da professionisti e protagonisti. L’edizione di quest’anno di Paris Photo è completata dalla mostra «Libro aperto», dedicata ai libri di fotografie di protesta, con particolare attenzione per gli anni Sessanta.
Gli stessi partner ufficiali della manifestazione presentano varie iniziative: Acqua#4 di Giorgio Armani, una selezione di foto della JPMorgan Chase Art Collection, Bmw Arte e cultura la giovane fotografa Marion Gronier e Sfr giovani talenti.

Anna Maria Merlo, da Il Giornale dell'Arte numero 336, novembre 2013


  • Thomas Vanden Driessche, How to be a Photographer in four lessons, 2013 esparto da André Frère Éditions
  • Ina Jang, «this comment has been deleted», 2013. Digital c-print Christophe Guye Galerie
  • Dorothee Golz, Prada Girl, 2012. C-Print, Charim Galerie Wien
  • Jun Ahn, Self-Portrait, 2008. Christophe Guye Galerie

Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Vedere in Friuli giugno 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012