CONTINENTE ITALIA 970 x 90 Nuova testata GDA

Musei

Berlino

Alla ricerca delle opere del collezionista ebreo

Una mostra e un database aiutano i musei a rintracciare le opere di Alfred Flechtheim, scomparse in seguito alla persecuzione nazista

Berlino. La storia del mercante e collezionista ebreo Alfred Flechtheim, entusiasta promotore dell’arte espressionista e moderna nella Germania degli anni Venti, è stata ripercorsa da quindici musei tedeschi che hanno collaborato alla creazione di una mostra e di un database online. Saranno esposte circa 300 opere di provenienza Flechtheim insieme a fotografie, lettere e documenti. Gli organizzatori auspicano che il sito web diventi un catalizzatore per il recupero di opere di cui si sono perse le tracce in seguito alla persecuzione di Flechtheim da parte dei nazisti negli anni ’30. L’anima di «Alfred Flechtheim.com: mercante dell’Avanguardia» (online dal 9 ottobre) è Andrea Bambi, curatore ed esperto di ricerche sulla provenienza delle opere al Pinakothek Museums di Monaco. Flechtheim aprì la sua prima galleria a Düsseldorf nel 1913 e arrivò a gestire spazi a Berlino, Francoforte, Colonia e Vienna. Proponeva mostre di artisti come Max Beckmann, George Grosz e Paul Klee, ma essendo ebreo e promuovendo quasi esclusivamente arte «degenerata», attirò presto le attenzioni dei nazisti.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Julia Michalska, da Il Giornale dell'Arte numero 335, ottobre 2013

©RIPRODUZIONE RISERVATA


GDA412 Bertozzi & Casoni

GDA412

GDA412 Vernissage

GDA412 GDECONOMIA

GDA412 GDMOSTRE

GDA142 Vedere in Canton Ticino

GDA412 Vedere a Torino

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012