Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Paladino-Biasiucci coinquilini in villa

Mimmo Paladino, «Testimoni», 2009

Sorrento (Napoli). L’arte e l’abitare costituiscono una delle riflessioni più intense della critica contemporanea, orientata soprattutto a osservarne le potenzialità nell’ambito dell’arte pubblica. La mostra «La Casa Madre. Biasiucci e Paladino» (catalogo Allemandi & C.), curata da Eduardo Cicelyn a Villa Fiorentino a Sorrento (Na), sede della Fondazione Sorrento presieduta dall’armatore Gianluigi Aponte, e visitabile fino al 30 settembre, utilizza l’abitare in una dimensione più introspettiva, come è interpretata dai lavori pittorici e scultorei di Mimmo Paladino (protagonista anche, fino al 28 ottobre, di una personale alla Pinacoteca Provinciale di Bari) e fotografici di Antonio Biasiucci. Circa 70 opere disposte in un percorso interno ed esterno («I Dormienti» di Paladino sono adagiati sulle acque della fontana d’ingresso della villa) concorrono alla creazione di un unicum armonioso, suggerendo di leggere le opere come un originale lavoro site specific (nella foto, Mimmo Paladino, «Testimoniss», 2009). La mostra inaugura una nuova stagione curatoriale per Cicelyn, dopo il forzato allontanamento dal Madre, che ha diretto fino allo scorso maggio. La presenza a Sorrento di «Magma» di Antonio Biasiucci, proveniente dalla collezione Cotroneo e prima nel palazzo di via Settembrini, forse è una velata eco al ritiro da parte di alcuni prestatori di molte opere concesse in comodato al museo napoletano.

Olga Scotto di Vettimo, da Il Giornale dell'Arte numero 322, luglio 2012


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012