Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Palazzo Reale di Venezia: dal 10 luglio visitabili le sale in cui soggiornò Sissi

Venezia. Il Museo Correr di Venezia arricchisce il suo percorso con l’apertura, il 10 luglio, di nove stanze prospicienti i giardinetti reali e il bacino di San Marco. Si tratta degli appartamenti riservati ad abitazione dei reali che soggiornavano a Venezia. Prima Napoleone e il viceré Eugenio di Beauharnais; poi gli austriaci, infine i Savoia. D’impronta neoclassica, con decorazioni di Giuseppe Borsato, scenografo della Fenice, e di Giovanni, Rossi e sontuose tappezzerie rifatte per l’occasione, i nove ambienti (su un totale di 20) sono stati restaurati grazie al contributo del Comitato Francese per la Salvaguardia di Venezia, con la consulenza della soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici. Con l’avvento della Repubblica Italiana le sale, adibite a uffici, avevano subito un forte degrado. Ora sono tornate al loro stato originale: restaurati gli affreschi, integrati gli stucchi e recuperati gli arredi in stile neoclassico e Biedermeier. A dominare è il fascino di Sissi, l’imperatrice austriaca Elisabetta sposa di Francesco Giuseppe che in queste stanze soggiornò nel 1856 e nel 1861 (tornò nel 1895 in occasione della Biennale), come dimostrano il suo splendido ritratto e i suoi ambienti più riservati (nella foto, la stanza da studio), quali la stanza da bagno e il boudoir dove è rappresentata quale dea protettrice delle arti. Più solenni la sala da pranzo, in puro stile Impero e quella delle udienze, dove figura anche un leone alato. Gli austriaci ripristinarono infatti il simbolo della Serenissima distrutto dalla furia iconoclastica dei francesi. Il restauro sui restanti ambienti è già partito.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 322, luglio 2012


  • La stanza da studio dell'imperatrice Elisabetta

Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012