Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Tiziano d’Alba

Tiziano, «Martirio di san Lorenzo»

Alba (Cn). In nome di san Lorenzo, patrono della città piemontese, la Banca d’Alba si è fatta carico lo scorso anno (cfr. n. 311. lu.-ago. ’11, p. 53) del restauro del «Martirio di san Lorenzo» di Tiziano (nella foto). Il delicato intervento è stato condotto dal Laboratorio di Restauro Nicola di Aramengo e il dipinto è ora esposto (fino al 31 dicembre) all’interno della sede dell’istituto bancario.
Realizzato tra il 1546 e il 1558 su commissione della famiglia patrizia veneziana dei Massolo e ammirato da Filippo II di Spagna, il dipinto dopo la confisca napoleonica è rimasto a Parigi fino al 1815 per poi tornare a Venezia dove è stato sottoposto a interventi incauti. Dal ’700 a oggi la tela ha subito undici restauri accertati e fin dall’inizio «aveva manifestato una certa instabilità a livello di pellicola pittorica, spiega la restauratrice Annarosa Nicola. Al momento del nostro intervento risultava inoltre gravemente compromessa dalla sovrapposizione delle varie patinature e riprese pittoriche arbitrarie. Durante la laboriosa pulitura è riemerso il volto di un personaggio con turbante sul capo prima praticamente illeggibile». Commenta Lionello Puppi, professore dell’Università Ca’ Foscari e coordinatore del restauro: «È stata un’apparizione enigmatica e l’ipotesi che si tratti di un autoritratto di Tiziano può essere interessante e va analizzata con ponderazione. Se fosse confermata, la tesi non sorprenderebbe: autoritratti figurano in altre opere dell’artista. Sarebbe invece importante capire perché Tiziano si sia ripreso nel contesto di questo dipinto. Forse per i suoi legami di ammirazione nei confronti della moglie di Lorenzo Massolo, Elisabetta Querini, probabilmente la vera committente del quadro. Tiziano la dipinse in due occasioni, ma purtroppo entrambi i ritratti sono andati perduti. Altro particolare significativo e al contempo ironico è lo stemma rosso dove compare l’aquila bicipite degli Asburgo e recato da uno dei carnefici di san Lorenzo: uno sberleffo nei confronti di Filippo II e dei suoi funzionari per via delle numerose committenze non onorate a Tiziano da parte del re di Spagna».
Il restauro è stata seguito dalla Soprintendenza speciale di Venezia nelle persone di Giovanna Damiani, Claudia Cremonini e Gloria Tranquilli. Soddisfatto Felice Cerrutti, presidente della Banca d’Alba: «Il mostro istituto ha interamente finanziato l’intervento, assicurazione e trasporto eccezionale compresi: 200mila euro investiti in una delle eccellenze del nostro Paese, l’arte».
 
Articoli correlati:
Stupefacente notturno stupefacentemente abbandonato

Emmanuele Bo, da Il Giornale dell'Arte numero 321, giugno 2012


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012