ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Vernissage

Urs Fischer

Eclettico, spettacolare e metamorfico, Urs Fischer, il Cattelan svizzero, è il primo artista della collezione Pinault ad allestire una personale a Palazzo Grassi: tra le opere, la ricostruzione del suo atelier

Urs Fischer © Matteo De Fina; courtesy Palazzo Grassi

Urs Fischer ritrae gli oggetti quotidiani che lo circondano: frutta, gatti, sedie e candele sono motivi ricorrenti nella sua opera. La trasformazione e l’entropia sono per lui sia temi sia tecniche. Alla scorsa Biennale di Venezia l’artista svizzero, classe 1973, è stato acclamato per tre monumentali opere in cera munite di stoppini accesi come candele, raffiguranti una sedia, il ritratto dell’artista Rudolf Stingel (suo amico) e una copia della scultura in marmo «Il ratto delle Sabine» di Giambologna. Le sculture si sono lentamente sciolte durante la mostra.
Fischer ha raggiunto il successo all’inizio della carriera e, pur avendo lasciato la Svizzera per trasferirsi a New York, il suo lavoro è ancora spesso accostato a quello di artisti europei come Fischli e Weiss, Franz West, Dieter Roth e Georg Herold. Fischer ha avuto una formazione da fotografo. Molte delle sue opere affrontano i temi della mimesi e dei limiti della rappresentazione, come nella serie tuttora in progress di scatole specchianti, sulle quali stampa fotografie di oggetti.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Jonathan Griffin, da Il Giornale dell'Arte numero 319, aprile 2012

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012