Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Musei veneziani

L’importanza del vetro per Venezia

La Fondazione Cini in collaborazione con la Pentagram Stiftung crea spazi espositivi e un centro studi a San Giorgio

Carlo Scarpa, maestro dell’architettura e del design, con cui si inaugurano il 29 agosto le «Stanze del Vetro» alla Fondazione Cini

Venezia. I vetri veneziani sono famosi quasi quanto Venezia stessa, ma stranamente mancava in città (o a Murano, dove i vetri più celebri vengono da sempre soffiati) un museo dedicato a una selezione di vetri del XX secolo e contemporanei (per vederli si doveva andare finora al Glasmuseum Hentrich di Düsseldorf o al Corning Museum of Glass nello Stato di New York). Ora le cose cambieranno: la Fondazione Cini, che ha sede nel monastero rinascimentale dell’isola di San Giorgio, ha dedicato 650 metri quadrati di fabbricati annessi a spazio espositivo per i vetri contemporanei.
Le «Stanze del Vetro» apriranno il 29 agosto in concomitanza con la prossima Biennale di Architettura, con una mostra di vetri progettati dall’architetto Carlo Scarpa per la vetreria Venini tra il 1932 e il 1942. Pasquale Gagliardi, segretario generale della Fondazione Cini, è entusiasta: «Questo museo è perfettamente in linea con la nostra mission, che è quella di dare rilievo a tutti i diversi aspetti della cultura veneziana, e inoltre sviluppa una delle nostre attività tradizionali, ovvero quella di prendere sul serio le cosiddette arti minori o decorative, come abbiamo già fatto con i libretti d’opera, le scenografie teatrali e la danza», afferma.
Le Stanze del Vetro usufruiranno di un centro studi interno all’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini, che avrà l’obiettivo di allestire un archivio e una biblioteca specializzata, garantire borse di studio per studenti del settore e organizzare conferenze, seminari e mostre regolari. Il curatore sarà Marina Barovier, della famiglia di vetrai ed esperta della materia. Uno dei suoi primi compiti sarà l’esame degli archivi Venini, da poco riscoperti, che comprendono disegni originali e foto storiche di ogni pezzo realizzato dalla manifattura, che ha collaborato con celebri designer, da Ettore Sottsass e Gio Ponti a Tapio Wirkkala e Tadao Ando. Durante le Biennali di arte e architettura saranno programmate mostre tematiche, così da riportare il vetro sulla scena artistica in occasioni in cui l’attenzione internazionale è puntata su Venezia (il vetro era presente nelle prime dizioni della Biennale).
Il comitato dei consulenti specializzati è costituito da rappresentanti dell’Università Ca’ Foscari e della Fondazione Cini, dagli studiosi del vetro Rosa Barovier Mentasti e Laura de Santillana, e dall’ex presidente della Fondazione dei Musei Civici veneziani David Landau, che con la moglie Marie-Rose Kahane è un importante collezionista di vetri veneziani del ’900. Nel 2011 Kahane ha creato la fondazione svizzera Pentagram Stiftung, per sostenere e approfondire lo studio del vetro contemporaneo e storico, che sarà un finanziatore della Fondazione Cini per le Stanze del Vetro.
Durante la sua breve ma operosa presidenza dei Musei Civici veneziani nel 2010, Landau aveva già organizzato e finanziato un incontro di esperti mondiali sul vetro al Museo di Murano per pianificare il suo rimodernamento. Ora lui e la moglie vengono nuovamente in aiuto di un settore in crisi, minacciato dalla concorrenza dei vetri a buon mercato importati dalla Cina, di una politica cittadina conservatrice e poco coesa e della scarsità di giovani interessati ad apprendere l’arte della soffiatura del vetro. Gagliardi tiene a sottolineare che la Fondazione Cini non intende porsi come rivale dei musei civici, del Museo del Vetro di Murano o dell’Università, ma spera che le Stanze del Vetro stimolino la collaborazione e la nascita di nuove iniziative in città e che attirino collezionisti, artisti e studiosi da tutto il mondo.

© Riproduzione riservata

Anna Somers Cocks, da Il Giornale dell'Arte numero 318, marzo 2012


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012