Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Alta società: i ritratti di Arturo Ghergo a Palazzo delle Esposizioni

Alida Valli in un ritratto di Arturo Ghergo. Foto © Arturo Ghergo

Roma. Giunto nel 1929 a Roma, dove apre uno studio fotografico in via Condotti 61, il marchigiano Arturo Ghergo già alla metà degli anni Trenta è il ritrattista più in voga del mondo cinematografico e dell’aristocrazia romana. Per tre decenni (muore nel 1959 a soli 57 anni) sarà uno dei più famosi fotografi italiani, grande ritrattista soprattutto dei divi di Cinecittà, gli studios aperti da Mussolini nel 1937. Palazzo delle Esposizioni dal 3 aprile all'8 luglio gli dedica una rassegna di circa 150 fotografie vintage quasi solo in bianco e nero dell’intera sua produzione, curata dalla figlia Cristina Ghergo e da Claudio Domini, dagli esordi all’approdo al colore alle soglie degli anni Sessanta. Riprese quasi tutte le dive del tempo, da Assia Noris a Doris Duranti, e ancora Sophia Loren, Ingrid Bergman, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Alida Valli che ritrasse in venti scatti come se fossero venti donne differenti. Fotografò anche attori come Amedeo Nazzari, Massimo Girotti e Vittorio Gassman, politici da Galeazzo Ciano a Einaudi e De Gasperi, grandi personalità quali papa Pio XII, Pietro Badoglio, Gianni Agnelli.

Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 318, marzo 2012


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012