MUSEO INFINITO 970x90 gif
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Un rapporto di seduzione

Pittori e fotografi di ieri e di oggi a confronto

Ori Gersht, «Blow-Up Untitled 5», 2007, Londra, Mummery + Schnelle. © Courtesy of the Artist and Mummery + Schnelle, London

Londra. Chissà che cosa direbbero alcuni dei grandi maestri del XIX secolo come Degas, Constable, Ingres, Fantin-Latour, Vernet nel trovarsi esposti fianco a fianco, nelle sale della National Gallery, con rappresentanti dell’allora giovane arte fotografica come Gustave Le Gray, Oscar Rejlander, Julia Margaret Cameron, Hill e Adamson, Roger Fenton, e con i nostri contemporanei Nan Goldin, Thomas Struth, Rineke Dijkstra, Karen Knorr, Tina Barney e altri ancora.
Certo, per gli studiosi la connessione tra fotografia e arte antica è ormai un dato assodato, a partire dal concetto di «tableaux» elaborato una ventina di anni fa per definire i nuovi grandi formati a colori, ma è forse la prima volta che una mostra evidenzia in maniera così esplicita e con tale autorevolezza, per un largo pubblico, questa sorta di passaggio di consegne.
«Sedotta dall’arte.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Walter Guadagnini, da Il Giornale dell'Arte numero 325, novembre 2012

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Fantin-Latour, «La rosea abbondanza di giugno», 1886, Londra, National Gallery. Dall’alto: Fantin-Latour, «La rosea abbondanza di giugno», 1886, Londra, National Gallery. © The National Gallery, London
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012