GDA 416 in edicola 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

La parentesi terrena delle Sibille di Saronno

Una delle statue dei profeti dopo il restauro

Saronno (Va). Durerà fino al 30 dicembre l’esposizione nel Santuario della Beata Vergine di Saronno delle prime sei statue lignee (profeti e sibille intagliati da Giulio da Oggiono e dipinti da Alberto da Lodi), restaurate da Carola Ciprandi sotto la direzione di Isabella Marelli, soprintendente per i beni storico artistici e storica dell’arte. L’allestimento, volutamente minimalista, permette un incontro ravvicinato con le opere a grandezza umana (circa 170 cm). Ed è emozionante l’impatto con la rappresentazione policroma e tridimensionale delle sibille, tòpos letterario e artistico longevo nei secoli (si pensi alle sibille di Dante e di Virgilio), ma particolarmente vivo nel Rinascimento. Vicino alle sculture già restaurate si trovano anche due esemplari in attesa di lavorazione, per mostrare i danni da riparare e le particolarità costruttive delle statue (venti in tutto), scavate in tronchi su cui venivano innestati gli arti.
Il santuario ha pubblicato su

Nicoletta Serio, edizione online, 17 ottobre 2012

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA416GDA416 VERNISSAGEGDA416 GDECONOMIAGDA416 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012