ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Archeologia

Intervista esclusiva di Fabio Isman

Diario di un tombarolo

Ex boscaiolo, Giuseppe Evangelisti racconta come sia rimasto in pratica impunito in oltre trent’anni di «scavo» e di traffici illeciti

L’hydria del Pittore di Amasis recuperata nella necropoli di Bisenzio

Roma. Giuseppe Evangelisti declina le tappe della sostanziale impunità: «Tre perquisizioni e due processi. Di uno, non sapevo nulla: avevo un avvocato d’ufficio, forse perché intanto avevo cambiato casa. Nel 2005, un pretore di Viterbo mi dà sei mesi e 3.500 euro di multa. Nell’altro processo, l’anno dopo a Montefiascone, il giudice non credeva che avessi smesso: nove mesi e 2mila euro. Sempre con la condizionale, pena sospesa».
Questo è il conto che lo Stato ha presentato a Evangelisti per un’intera vita da «tombarolo»; un esempio paradigmatico di come, in Italia, chi traffica in archeologia rischia davvero poco.
Giuseppe Evangelisti vive sul lago di Bolsena, a Capodimonte, poi a Montefiascone; ha quasi 60 anni. Per 42, fino a un infarto, ha fatto il boscaiolo: riforniva di legna due paesi. Ma il sabato sera... «Era l’ottobre del 1968, ricorda Evangelisti. Avevo studiato fino alla terza media, degli Etruschi sapevo che erano esistiti e basta. Un ragazzo di tre anni più grande mi chiede: “Vuoi farti un cassone?” Non capivo.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Fabio Isman, da Il Giornale dell'Arte numero 312, settembre 2011

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Urna cineraria in bronzo del 730-700 a.C.
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012