Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Il patrimonio culturale in epoca di crisi

Incapaci di gestire la nostra ricchezza

L’Italia è ricca per il suo invidiabile patrimonio artistico e naturale. Ma utilizzarlo senza rischiare di perderlo o rovinarlo è difficile e rischioso. L’economista della Cultura Giovanna Segre inquadra i termini del busillis

Avere 1.900 miliardi di euro di debito pubblico fa una certa impressione, a noi cittadini come ai mercati finanziari. È un valore che fa risalire il rapporto debito/Pil (che è poi quello che in realtà conta davvero, più che il valore assoluto del debito) al 120%, la percentuale tanto faticosamente abbandonata dalla metà degli anni Novanta. D’altro canto, sul nostro Paese convergono anche riconoscimenti di vario tipo dell’altrettanto impressionante dotazione di patrimonio naturale e culturale. L’Italia, per trovare un indicatore oggettivo seppur parziale, per esempio concentra il maggior numero di siti culturali riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Ne abbiamo 44 sui 725 sparsi in 153 Paesi. Siamo una famiglia ricca di oggetti, palazzi, monumenti, che ha molti antenati illustri in campo artistico da cui deriva un grande capitale identitario e simbolico; una famiglia che in più è proprietaria di aree dall’immenso fascino naturale, ma che è molto indebitata. Abbiamo dunque possibilità diverse rispetto ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Giovanna Segre, da Il Giornale dell'Arte numero 312, settembre 2011



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012