Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Archeologia

Antichità a New York: 15 milioni

Quasi un testa a testa tra Christie’s e Sotheby’s. Un fregio imperiale è stato battuto a 1,28 milioni

figura acefala di Iside di Christie’s

New York. Le due aste newyorkesi dedicate alle antichità archeologiche tenute da Sotheby’s e Christie’s l’8 e 9 giugno hanno incassato in totale 14,8 milioni di euro, con un quasi pareggio: 7,7 milioni per Sotheby’s, 7,1 per Christie’s.
Da Sotheby’s (l’8) il prezzo più alto l’ha ottenuto un fregio marmoreo romano imperiale, datato al 190-200 d.C., raffigurante il Ratto di Persefone; offerto con una stima tra i 270 e i 410mila euro, è stato acquistato a 1,28 milioni di euro. A un’incollatura si è piazzata una testa di poeta greco (probabilmente Esiodo), anch’essa romana imperiale, datata intorno al I secolo d.C., proposta con stime di 200-340mila euro e aggiudicata a un mercante internazionale a 1,17 milioni. Tra gli altri prezzi registrati da Sotheby’s, i 597mila euro versati da un privato europeo per una testa maschile di epoca adrianea in bronzo (stime 170-240mila); i 556mila euro, anche questi corrisposti da un privato europeo, per una maschera lignea di mummia egizia datata al 1075-600 a.C. (stime 100-170mila euro); e i 351mila per un’idria attica a figure rosse, attribuita al Pittore di Marsia e datata quindi al secondo quarto del quarto secolo a.C. (stime 50-70mila euro).
Nella vendita di Christie’s, il giorno dopo, hanno predominato i privati: a questi si devono i primi cinque prezzi della top ten list. Così, 659mila euro (contro stime di 340-550mila) è la cifra di aggiudicazione di una figura acefala di Iside (marmo romano, I-II secolo d.C. ca, alta 60,9 cm), nota fin dall’inizio dell’Ottocento per essere citata in un catalogo d’asta di Christie’s del 1801 nell’ambito di una dispersione di dipinti e oggetti d’arte appartenuti al diplomatico e archeologo inglese William Hamilton. Proveniva invece da una collezione californiana, in cui si trovava dal 1983, una testa di Apollo in marmo (romana, fine I-inizi II secolo d.C.), passata in asta nel 1961, sempre da Christie’s, nell’ambito della dispersione di una raccolta di marmi antichi di Thomas, ottavo Conte di Pembroke (1654-1732), consegnata a Christie’s da un discendente del nobiluomo. A fronte delle stime di 140-200mila euro, il lotto è passato di mano a 618mila euro. Quanto alle percentuali di venduto, all’89,8% e 93,9% di Sotheby’s (rispettivamente per numero di lotti e per ammontare), Christie’s ha risposto con un 70% e 73%.



© Riproduzione riservata

da Il Giornale dell'Arte numero 311, luglio 2011


  • fregio marmoreo romano imperiale di Sotheby’s

Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012